A proposito della casa degli antenati di Pablo Picasso

“Solaro a tetto, nel Caruggio verso l’Oratorio, da mezzogiorno Paolo Cavassa, da tramontana la strada, da levante gli eredi del quondam Giuseppe Cavassa, da ponente il vuoto”.

La proprietà è stimata in Lire 275.

 

Con questa indicazione viene rilevato nel “Catasto di Sori” del 1798 un appartamento (solaro) di proprietà di Anna Maria Fasce moglie di Picasso Tommaso e madre di Giovanni Battista.

Giovanni Battista Picasso si sposò con Isabella Musante, dalla loro unione nacquero sei figli, tra cui Tommaso (l’atto di nascita del 1787 è registrato nell’archivio della Parrocchia di Sori) che in giovane età emigrò con altri due fratelli, a Malaga in Spagna dove si sposò e dalla cui discendenza nacque il celebre pittore Pablo Picasso.

Questi dati, incrociati con il censimento della Repubblica Ligure del 1799 danno per certa la presenza di questa famiglia in Sori nei tempi e nei luoghi qui indicati.

Scorrendo i dati di questo Catasto troviamo i riferimenti degli altri appartamenti facenti parte dell’edificio in questione, tenendo conto che il solaro dei Fasce/Picasso è a tetto, quindi all’ultimo piano.

Al piano inferiore troviamo :

“Solaro dietro l’oratorio, di sopra Anna Maria Picasso, di sotto Gioacchino Vaccaro a un lato gli eredi del fu Giuseppe Cavassa, di tramontana la strada”.

La proprietaria è Picasso Maddalena in Cafferata, moglie di Giovanni Battista, figlia di Tommaso e della Fasce, zia dei tre fratelli che sono emigrati in Spagna.

Al primo piano troviamo :

“Solaro nel caruggio dietro l’oratorio, di sopra Maddalena Cafferata, di sotto gli eredi del quondam Bartolomeo Barbagelata, di dietro Paolo Cavassa, davanti la strada”.

La proprietà è di Vaccaro Gioacchino fu Giovanni.

Al Piano Terra con orto annesso :

“Casa e fondo terraneo dietro l’oratorio di sopra Gioacchino Vaccaro, da un lato gli eredi del quondam Gio Battista Delpino, dall’altro Paolo Cavassa, davanti la strada”.

La proprietà è degli Eredi del fu Bartolomeo Barbagelata.

Questi sono gli abitanti della casa dei Picasso, in tutto quattro appartamenti, ubicati dietro l’oratorio di S.Erasmo, con la strada ( il Carruggio) a tramontana cioè a Nord ; davanti la proprietà della Fam. Cavassa . Tra l’altro proprio alcuni componenti della famiglia Cavassa risultano essere i padrini di battesimo del nostro Tommaso Picasso.

La descrizione dei solari vicini dei Cavassa, degli eredi Delpino ( casa a tre solari con annessa poca terra, a tramontana la strada, ecc…) e infine alla proprietà Migone che confina con la proprietà di Paolo Cavassa, ed ha a mezzogiorno il mare, ci portano a restringere ulteriormente le ricerche che per altro non sono ancora completate.

Tutte queste indicazioni però ci conducono ad un gruppo di case che sta tra l’oratorio di S.Erasmo e l’angolo a ponente del Carruggio, là dove esso fa una curva a 90 gradi e si inerpica con maggior pendenza verso l’Aurelia.

Tenuto conto poi, che gli appartamenti in questione avevano a tramontana la strada e davanti un altro edificio, dell’ubicazione delle case vicine, del mare e di alcuni orti che appaiono ben evidenti sulla carta delle Riviere del Vinzoni, possiamo indicare con sufficiente precisione che la casa dei bisnoni di Picasso doveva trovarsi a tetto dell’attuale edificio contraddistinto dai numeri civici 25 e 31 Di Via S.Erasmo in Sori .

Ricerche effettuate dal Prof. Luigi Grasso

con la collaborazione del Sig. Aldo Pezzana

per la localizzazione dell’edificio.