L’antico Organo di Lorenzo Paoli

L’origine di questo strumento (restaurato nel 1995 dalla ditta Marin di Genova) del XVIII secolo è ignota, ma si sa che è stato collocato nell’attuale sede, in cantoria sopra l’altare maggiore, nel 1872 ad opera dell’organaro Lorenzo Paoli, assai attivo in quel periodo nella nostra regione. In tale occasione il Paoli aggiunse il registro Principale di otto piedi all’antico organo positivo di soli quattro piedi rimasto peraltro integro nella sua fattura.

immagine organo di Lorenzo PaoliDispone di una tastiera di 45 tasti (Do1-Do5), con prima ottava corta e di una pedaliera a leggio di 9 pedali (Do1-Si1) costantemente collegata alla tastiera.

Un ulteriore pedale aziona il Rollante. Il Principale è costantemente inserito nella prima ottava della tastiera.

I registri sono azionati da manette disposte in  colonna a destra della tastiera:

Principale (Bassi)
Principale (Soprani)
Ottava
Decimaquinta
Decimanona e Vigesimaseconda
Cornetto (Soprani)
Flauto in ottava (Soprani)
Voce umana (Soprani)

Fonte: Sito web Amici dell’Organo – Genova